Francesca Bonello - feeling nature

La Magia dell’Aria del Bosco: Composti Organici Volatili Naturali vs. Artificiali

La pace del bosco

Introduzione:

L’esperienza di immergersi nella natura, abbracciando la pratica del forest-bathing, va oltre quello che è un semplice contatto con gli alberi e l’ascolto del suono rilassante dei ruscelli.
Uno degli aspetti più affascinanti di questa pratica è la qualità dell’aria che viene respirata con profondità e consapevolezza.
Nei boschi, siamo avvolti da una miscela aromatica di Composti Organici Volatili (COV) che hanno effetti benefici sulla nostra salute fisica e mentale.
Ma attenzione a non fare confusione! queste molecole volatili naturali anche se hanno la stessa sigla (COV) non vanno assolutamente confuse con quelle artificiali di origine umana, spesso tossiche.
Composti Organici Volatili Naturali nel Bosco:

I terpenoidi, noti anche come terpeni o isoprenoidi, rappresentano la classe più estesa e variegata di composti chimici finora identificata nelle piante. Questa vasta categoria comprende oltre 40.000 sostanze diverse, unite da una comune unità chimica di base: una piccola molecola formata da 5 atomi di carbonio denominata isoprene. Tra questi composti, i terpenoidi più piccoli sono volatili, mentre quelli più grandi e densi costituiscono oli essenziali e resine.

La domanda che sorge spontanea è: perché le piante, soprattutto quelle presenti nelle foreste, producono un così elevato numero di terpenoidi?

I terpenoidi, sia volatili che non volatili, rivestono un ruolo cruciale nella crescita e nello sviluppo delle piante, agendo come precursori di ormoni vegetali. Inoltre, svolgono una funzione chiave nella difesa delle piante contro lo stress ossidativo e nella loro capacità di tollerare temperature elevate. Ricerche recenti hanno rivelato che tali molecole vengono impiegate dalle piante sia per attirare insetti impollinatori che per favorire la presenza di predatori naturali degli insetti dannosi. Un’affascinante ipotesi è che questa vasta gamma di molecole funga da “vocabolario” attraverso il quale le piante possono comunicare con l’ambiente circostante. Ad esempio, alcune piante possono rilasciare fitoncidi per scoraggiare la crescita di piante concorrenti nelle vicinanze

All’interno degli isporenoidi si trova la classe di molecole denominata Fitoncidi. I fitoncidi sono composti chimici prodotti dalle piante per difendersi dagli agenti patogeni, come batteri, funghi e insetti. Queste sostanze fungono da agenti antimicrobici e pesticidi naturali, contribuendo a proteggere le piante dagli attacchi dannosi. I fitoncidi possono essere rilasciati nell’aria o accumularsi nei tessuti delle piante. Un esempio comune di fitoncide è l’olio essenziale di alcune piante, come quello di eucalipto o tea tree, che contiene composti con proprietà antimicrobiche.

Quindi, in estrema sintesi, le funzioni che svolgono i COV naturali sono:

    • difesa contro i patogeni

    • protezione contro gli insetti

    • comunicazione chimica

    • interazione con altri organismi

Quando vengono rilasciati nell’ambiente, i fitoncidi possono avere effetti benefici anche sugli esseri umani, agendo come agenti antibatterici o antifungini. Queste sostanze presenti perlopiù nelle foglie degli alberi contribuiscono alla formazione delle particelle di aerosol che purificano l’aria e supportano la salute respiratoria.

Benefici del Respirare Aria di Bosco:

1. Riduzione dello Stress: Gli studi dimostrano che l’esposizione a COV naturali nei boschi riduce i livelli di cortisolo, diminuisce lo stress, favorisce la concentrazione e migliora il benessere generale.

2. Miglioramento del Sistema Immunitario: I fitoncidi e altri COV naturali possono potenziare il sistema immunitario, aumentando la capacità del corpo di combattere malattie.

3. Influenza Positiva sull’Umore: L’inalazione di terpeni ha dimostrato di influenzare positivamente l’umore, riducendo i sintomi di depressione e ansia.

Composti Organici Volatili Artificiali:

1. VOC da Materiali da Costruzione: Ambienti urbani e industriali spesso contengono COV derivanti da materiali da costruzione come vernici, sigillanti e moquette. Questi possono essere dannosi per la salute respiratoria a lungo termine.

2. Inquinanti Atmosferici: Gas come ossidi di azoto e ozono, prodotti dalle attività industriali e automobilistiche, possono compromettere la qualità dell’aria nelle aree urbane, portando a problemi respiratori e altri disturbi della salute.

Facebook
Twitter
LinkedIn

Approfondisci

Articoli correlati

Su questo sito utilizziamo strumenti di prima o terza parte che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie di statistica) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.